ZONE GEOGRAFICHE

CIOCIARIA
Il Lazio racchiude in sé 380 comuni, molti dei quali vanno a formare, nel basso Lazio, la CIOCIARIA, considerata, per la sua vastità, una vera e propria regione, con particolari caratteristiche etniche, storiche, sociali, culturali, linguistiche e geografiche.
Secondo gli storici il territorio ciociaro dai Monti d’Abruzzo va verso il Mar Tirreno, fino a Fondi (LT) e dalla fascia Meridionale della Campagna romana (Valmontone, Segni, Colleferro) arriva quasi fino a Caserta.
Pur tuttavia tale confine originariamente alquanto differente, subi’ mutamenti quando lo Stato Pontificio, per esigenze giurisdizionali, aggiunse o tolse qualche parte di territorio, istituendo la provincia di Marittima (le zone lungo il litorale tirrenico) e Campagna (le zone comprese tra il Garigliano ed i Colli Albani), le attuali province di Latina e Frosinone e parte della provincia di Roma.
Tale ordinamento fu mantenuto fino alla Costituzione della Delegazione di Frosinone, che nel 1927 fu elevata a provincia ; anche Viterbo divenne provincia nello stesso anno.
Più tardi, nel 1934, si ebbe la fondazione di Littoria, che nel 1945 fu ribattezzata Latina.
Inizialmente una palude che, dopo innumerevoli tentativi di bonifica, iniziati dai Volsci, che scavarono il canale di Rio Martino, proseguiti dai romani, dopo, e ancora da Papa Pio VI (Giovanni Angelo Braschi), nel 1777, culminarono con la bonifica del territorio nel 1932(ad opera di contadini emiliani, veneti, friulani), quando Valentino Orsolino Cencelli posò la Iª pietra per inaugurare la nascita della nuova città.
Nello stesso anno Benito Mussolini, resosi conto del grave errore commesso nel non dare giusta rilevanza al fatto, cosa invece che aveva fatto la stampa estera, si recò sul luogo, dove tenne un discorso (dal balcone del Municipio), annunciando le future tappe dello sviluppo della fertile pianura.

La IIª guerra mondiale arrecò ingenti danni al territorio, tra cui la distruzione dell’Abbazia di Montecassino. La “LINEA GUSTAV” - linea fortificata tedesca creata contro l’avanzata degli alleati - attraversava, infatti, la Valle del Liri- (Fiume Liri), Fiume Sangro e arrivava a Pescara.
Nello scontro tra i “Diavoli Verdi” di Hitler e i “Tori Rossi”(texani) statunitensi, l’avanzata degli alleati si spegneva davanti la Linea Gustav. Centro di tutto il sistema di tale “linea” furono le alture attorno a Cassino, sulle quali si ergeva imponente il millenario monastero Benedettino, bombardato dagli stessi alleati, convinti che i tedeschi vi si rifugiassero.

LOCALITA'

Isola Liri


tra magia e incanto


Nel 1886 sono stati scoperti importanti...

Civitavecchia di Arpino


borghi dimenticati del Lazio

Arpino è un paese a 30 chilometri da...
HOTSPOTS

Isola del Liri




Isola del Liri è una...
CUCINA

Il limoncello


Liquore sorrentino

La buccia gialla e rugosa del limone è...

Olive all'Ascolana


assoluta prelibatezza

Le olive ascolane sono uno dei prodotti...

I maccheroni di Campofilone


raffinatezza di gusto

Sono maccheroncini caratteristici per la loro...
ARTIGIANATO - PRODOTTI TIPICI

Il Mandolino napoletano


l'arte al servizio della musica

Le origini di questo strumento sono da...

La fisarmonica di Castelfidardo


I suoni magici della tradizione

Le Marche e l’Abruzzo hanno ospitato per...

La grolla valdostana


Per un caffè speciale

Curiosando alla ricerca di informazioni sul...
 
 
about us | contacts | diventa editore
PARTNERS: Med Sails
grafica firenze
website designed by Pietrapania Studio