REGIONI ITALIANE

CALABRIA Calabria
Calabria La Calabria occupa la parte più meridionale della penisola italiana,
la punta dello «stivale». È a sua volta una penisola: lunga e stretta, si protende nel Mediterraneo, dividendo il mar Tirreno dallo Ionio. Lo Stretto di Messina la separa dalla Sicilia. Confina con una sola regione: la Basilicata, a nord. Per il resto è bagnata dal mare: circa 750 km di coste, per lo più alte e rocciose, ricche di golfi, insenature, promontori.
I rilievi appenninici coprono quasi tutto il territorio. L'Appennino Calabrese non costituisce un insieme unitario, ma si divide in diversi gruppi. I tre più importanti sono, da nord a sud: il Massiccio del Monte Pollino, con la vetta più alta della Calabria, Serra Dolcedorme (2.267 m); la Sila, un massiccio boscoso, vasto, ricco di corsi d'acqua e di laghi (vetta più alta, il Monte Botte Donato, 1.928 m); l'Aspromonte (vetta più alta, il Montalto, 1.955 m).
Fra la montagna e il mare, in qualche punto si aprono piccole pianure (in tutto occupano il 9% del territorio), come la piana di Sant'Eufemia e la piana di Gioia Tauro sul Tirreno, la piana di Sibari e quella di Crotone sullo Ionio. Un tempo erano malariche, ora sono fertili e coltivate. In epoca preistorica, al loro posto c'era il mare: le pianure erano dei golfi, che poi a poco a poco sono stati riempiti dai detriti trasportati dai fiumi. (Le pianure che si sono formate così si chiamano alluvionali).
I corsi d'acqua sono molti, tutti brevi. Qui li chiamano fiumare; hanno un letto ghiaioso molto largo. D'estate le fiumare sono asciutte o quasi: un filo d'acqua che scorre tra i sassi. In autunno e in inverno si gonfiano paurosamente d'acqua, provocando inondazioni e frane disastrose. I fiumi con regime più regolare sono pochi: il Crati, il Neto, il Tacina, che nascono dalla Sila e si gettano nello Ionio. Nella Sila vi sono anche laghi abbastanza estesi, come il Cecita, l'Arvo, l'Ampollino, e moltissime sorgenti. Questa ricchezza di acque è sfruttata per produrre energia idroelettrica.
Tutta la Calabria è zona sismica, cioè soggetta a terremoti: proprio per questo conserva, della sua lunga storia, soltanto pochi resti.
In Calabria, nessun punto dista dal mare più di 50 km: ciò nonostante, l'influenza mitigatrice del mare non agisce in modo uniforme. Così nell'interno vi sono zone a clima alpino, con inverni rigidissimi e forti sbalzi di temperatura fra inverno ed estate; mentre a pochi chilometri, sulla costa, c'è un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde ma ventilate. In autunno ed inverno piove molto, soprattutto sul versante tirrenico, dove si scaricano i venti carichi di umidità provenienti dall'Atlantico.
AREE GEOGRAFICHE

Pollino


Il Parco nazionale del Pollino, posto a cavallo tra Basilicata e Calabria, nelle province di Cosenza, Matera e Potenza, con oltre 192.000 ettari è il parco naturale più grande...

LOCALITA'

PENTEDATTILO


Magico Paese Abbandonato

Il paese fantasma 
Posto a 250 metri...

Stilo, Stylus


Tracce greche in Italia

 Stilo si trova alle pendici del Monte...

Isola di Capo rizzuto


La terra degli dei

Cercare documenti che affermino con certezza...
HOTSPOTS

Lungomare di Reggio calabria


Dedicato a Italo Falcomatą

I Bronzi di Riace


Storia e Gloria

Gli abitanti della piccola località di...
CUCINA

Il Panforte


La tradizione senese a tavola

 Pane Natalizio, Pane Aromatico o Pan...

Il Vicotto


Specialitą Uniche delle Marche

Il "Vicotto" è una bevanda...

I maccheroni di Campofilone


raffinatezza di gusto

Sono maccheroncini caratteristici per la loro...
ARTIGIANATO - PRODOTTI TIPICI

Statue di via San Gregorio armeno


Artigianato napoletano

I personaggi del presepe degli artigiani di via...

Il carrettu siciliano


Un arte del passato

Il carretto siciliano è nato nel XVIII...

La fisarmonica di Castelfidardo


I suoni magici della tradizione

Le Marche e l’Abruzzo hanno ospitato per...
 
 
about us | contacts | diventa editore
PARTNERS: Med Sails
grafica firenze
website designed by Pietrapania Studio