REGIONI ITALIANE

CALABRIA Calabria
Calabria La Calabria occupa la parte più meridionale della penisola italiana,
la punta dello «stivale». È a sua volta una penisola: lunga e stretta, si protende nel Mediterraneo, dividendo il mar Tirreno dallo Ionio. Lo Stretto di Messina la separa dalla Sicilia. Confina con una sola regione: la Basilicata, a nord. Per il resto è bagnata dal mare: circa 750 km di coste, per lo più alte e rocciose, ricche di golfi, insenature, promontori.
I rilievi appenninici coprono quasi tutto il territorio. L'Appennino Calabrese non costituisce un insieme unitario, ma si divide in diversi gruppi. I tre più importanti sono, da nord a sud: il Massiccio del Monte Pollino, con la vetta più alta della Calabria, Serra Dolcedorme (2.267 m); la Sila, un massiccio boscoso, vasto, ricco di corsi d'acqua e di laghi (vetta più alta, il Monte Botte Donato, 1.928 m); l'Aspromonte (vetta più alta, il Montalto, 1.955 m).
Fra la montagna e il mare, in qualche punto si aprono piccole pianure (in tutto occupano il 9% del territorio), come la piana di Sant'Eufemia e la piana di Gioia Tauro sul Tirreno, la piana di Sibari e quella di Crotone sullo Ionio. Un tempo erano malariche, ora sono fertili e coltivate. In epoca preistorica, al loro posto c'era il mare: le pianure erano dei golfi, che poi a poco a poco sono stati riempiti dai detriti trasportati dai fiumi. (Le pianure che si sono formate così si chiamano alluvionali).
I corsi d'acqua sono molti, tutti brevi. Qui li chiamano fiumare; hanno un letto ghiaioso molto largo. D'estate le fiumare sono asciutte o quasi: un filo d'acqua che scorre tra i sassi. In autunno e in inverno si gonfiano paurosamente d'acqua, provocando inondazioni e frane disastrose. I fiumi con regime più regolare sono pochi: il Crati, il Neto, il Tacina, che nascono dalla Sila e si gettano nello Ionio. Nella Sila vi sono anche laghi abbastanza estesi, come il Cecita, l'Arvo, l'Ampollino, e moltissime sorgenti. Questa ricchezza di acque è sfruttata per produrre energia idroelettrica.
Tutta la Calabria è zona sismica, cioè soggetta a terremoti: proprio per questo conserva, della sua lunga storia, soltanto pochi resti.
In Calabria, nessun punto dista dal mare più di 50 km: ciò nonostante, l'influenza mitigatrice del mare non agisce in modo uniforme. Così nell'interno vi sono zone a clima alpino, con inverni rigidissimi e forti sbalzi di temperatura fra inverno ed estate; mentre a pochi chilometri, sulla costa, c'è un clima mediterraneo, con inverni miti ed estati calde ma ventilate. In autunno ed inverno piove molto, soprattutto sul versante tirrenico, dove si scaricano i venti carichi di umidità provenienti dall'Atlantico.
AREE GEOGRAFICHE

Pollino


Il Parco nazionale del Pollino, posto a cavallo tra Basilicata e Calabria, nelle province di Cosenza, Matera e Potenza, con oltre 192.000 ettari è il parco naturale più grande...

LOCALITA'

Isola di Capo rizzuto


La terra degli dei

Cercare documenti che affermino con certezza...

PENTEDATTILO


Magico Paese Abbandonato

Il paese fantasma 
Posto a 250 metri...

Stilo, Stylus


Tracce greche in Italia

 Stilo si trova alle pendici del Monte...
HOTSPOTS

I Bronzi di Riace


Storia e Gloria

Gli abitanti della piccola località di...

Lungomare di Reggio calabria


Dedicato a Italo Falcomatą

CUCINA

Le arance di Ribera


Quando la qualitą fa la differenza

Ci sono documentazioni del XIX sec. che parlano...

Il Panforte


La tradizione senese a tavola

 Pane Natalizio, Pane Aromatico o Pan...

Il Puzzone di Moena


Formaggio dai sapori forti

Tra i formaggi vaccini montani del nord Italia...
ARTIGIANATO - PRODOTTI TIPICI

Il carrettu siciliano


Un arte del passato

Il carretto siciliano è nato nel XVIII...

Statue di via San Gregorio armeno


Artigianato napoletano

I personaggi del presepe degli artigiani di via...

Le Ceramiche di Montelupo


secolare maestria toscana

La tradizione della ceramica a Montelupo risale...
 
 
about us | contacts | diventa editore
PARTNERS: Med Sails
grafica firenze
website designed by Pietrapania Studio